Malattie

Cateteri Venosi Centrali

Cateteri Venosi Centrali

Sono cateteri a permanenza, tunnellizzati cuffiati costituiti da due lumi indipendenti l’uno dall’altro, posizionati in vena giugulare interna o in vena succlavia e molto più raramente in vena femorale (quest’ultimo quando gli altri accessi non siano utilizzabili).

I due lumi separati consentono la circolazione del sangue nel circuito extracorporeo per la dialisi allo scopo di minimizzare il rischio del cosiddetto ricircolo, cioè rischio di aspirare nel vaso sangue già dializzato.
Esistono molti tipi di CVC per emodialisi.

Posizionamento di CVC per dialisi

La procedura viene eseguita in day surgery, in ambiente sterile, in anestesia locale.
Il Medico, previa puntura ecoguidata della vena dalla quale verrà inserito il catetere, posiziona il catetere “tunnellizzandolo” sottocute. Con il controllo radiologico è possibile regolarne la lunghezza e controllare il corretto posizionamento. In genere, la procedura complessivamente, non dura più di 30 minuti.