Procedure / Trattamenti

Infiltrazione articolare

Infiltrazione articolare

Consiste nell’iniezione di uno specifico farmaco all’interno di una o più articolazioni. Lo scopo è quello di ridurre l’infiammazione ed il dolore che possono interessare un’articolazione, un tendine o un nervo.

In questo tipo di iniezioni si utilizzano solitamente farmaci antinfiammatori, a base di cortisone, degli anestetici locali, soluzioni di acido ialuronico o di collagene. L’acido ialuronico è stato il primo ad essere utilizzato per queste tecniche, permettendo di “lubrificare” una particolare articolazione danneggiata a causa di traumi, dall’usura o da particolari predisposizioni anatomiche.

Negli ultimi anni, nelle infiltrazioni articolari si utilizzano anche dei preparati “biologici”. Questi, i cosiddetti fattori di crescita piastrinici (PRP) o le cellule staminali, hanno lo scopo di innescare la riproduzione di numerosi tipi di cellule (condrociti, osteoblasti, ecc.), di lenire l’infiammazione e di aiutare i tessuti durante il loro processo di riparazione.

Solitamente, l’infiltrazione articolare viene “guidata” da un esame ecografico che permette di individuare con precisione l’area che presenta l’infiammazione ed i relativi punti da “trattare”.

Il principale risultato che si ottiene grazie alle procedure di infiltrazione articolare è una immediata diminuzione del dolore della parte interessata, sia essa una articolazione, un tendine o un nervo.